Marina Misiti, donna con la valigia!

Marina Misiti ci racconta cosa rappresenta per lei il viaggio e come è nato il blog Donne con la valigia

di Silvia Menini

Pubblicato martedi, 25 gennaio 2011

Rating: 4.5 Voti: 22
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Marina Misiti (www.marinamisiti.com) è fotografa e artista specializzata in antropologia visiva.Giornalista ed editor, è famosa anche per essere l'ideatrice del blog-zine Donne con la valigia, sfociato poi nell’omonimo libro edito da Astraea. Abbiamo già parlato di lei, ora l'abbiamo anche intervistata.
 
Quando è nato il tuo blog e cosa ti ha spinto ad aprirlo?
Ho aperto "Donne con la valigia" il 6 gennaio 2008, ma il blog-zine è cresciuto in fretta e ha subito aggregato un’intera community di viaggiatrici e di donne (e non solo) che vivono in giro per il mondo. Come fotoreporter e giornalista di esteri con una lunga esperienza sui periodici “cartacei” per me questa ha rappresentato una sfida e un'avventura emozionante: il web 2.0 con i suoi blog prima, le community, e i social network oggi, ma soprattutto con l’interattività, ha rivoluzionato il mondo stesso della comunicazione. Oggi le mie fotografie sono in mostra nelle gallerie, pubblicate sui giornali, ma anche e soprattutto condivise sul web...

Cosa rappresenta il blog ai fini dei tuoi innumerevoli viaggi?
"Donne con la valigia" è già un vero e proprio viaggio a 360 gradi in formato digitale, una porta aperta sul mondo, sulle sue contaminazioni, con un occhio attento all'accuratezza dei contenuti. E forse proprio questa è stata la chiave del successo che ha aggregato tante persone in rete e che ora si ritrovano sulla pagina facebook di Donne con la valigia.

Come cambia il concetto di viaggio nell’era del 2.0?
Oggi come ieri si viaggia in molti modi, fisici e mentali, in questo caso connettendosi sul web: la nostra rete di "amiche di valigia", per esempio, si estende dall’Argentina ad Hong Kong, passando per il Nord Europa, il Brasile o l’India. L’interazione, i commenti e la possibilità di condivisione delle esperienze, rende questo indirizzo virtuale un luogo accogliente, un vero salotto moderno dove scambiarsi esperienze, immagini, indirizzi in puro stile 2.0.

Il viaggio che ti è rimasto maggiormente nel cuore?
Tutti quelli legati al mio progetto fotografico "Mappe Urbane Personali" (MUP), che prima ancora di essere selezionato per una serie di importanti mostre in Italia e all'estero, è stato “pingato”, geolocalizzato e condiviso dall’intera community. Un modo alternativo ma ugualmente coinvolgente di viaggiare, no?

A chi volesse aprire un blog: quali consigli daresti?
Avere qualcosa da dire, mi sembra un presupposto indispensabile. Poi scegliere una linea, un nome, uno stile riconoscibile. Infine, impegnarsi con chi ci legge a postare con regolarità e competenza".
Il tuo blog ha un taglio tutto al femminile. Il viaggiare è diverso per una donna o un uomo?

Come percepiscono diversamente ciò che vedono e vivono?
Forse è diversa la percezione che abbiamo delle cose e dei luoghi: aver adottato un’ottica personale e quindi, nel mio caso, al femminile, con cui leggere il mondo, e dichiararlo sin dal titolo credo che sia stato solo positivo. Il riscontro in fondo l’ho avuto dagli stessi lettori: gli utenti uomini che apprezzano e seguono costantemente gli aggiornamenti sono quasi il 50 per cento e sono curiosi proprio di "vedere" il mondo con uno sguardo al femminile.

E dopo il blog il libro. Come hai fatto questo salto?
Direi che è stato solo uno sviluppo ulteriore: il "libretto rosa" di Donne con la valigia (Astraea edizioni), curatissimo nel packaging, con elastico da taccuino da viaggio,  illustrazioni, mantra e checklist, è ancora un'altro modo di guardare all'arte del viaggio.

Venendo a te: come ti descriveresti in poche parole?
Sono una persona curiosa e attenta agli altri e al mondo che mi circonda. Come molti, per anni mi sono spostata per lavoro, tanto che amici e colleghi hanno finito per chiamarmi "la donna  con la valigia". Agli inizi viaggiavo come antropologa, poi come fotoreporter di esteri. Muovendomi spesso da sola, va da sé che imparare a "viaggiare light" è stata  una necessità, prima ancora che una filosofia di vita.

Cosa rappresenta per te viaggiare?
E' una vita particolare, che ha i suoi vantaggi e i suoi lati  negativi. L'importante, a mio avviso, è averla scelta, e non subirla.  Altrimenti può diventare un'esistenza pesantissima. Non  dimentichiamoci che conciliare viaggi e famiglia (oltre a lavoro e casa) è sempre complicato, e per una donna lo è ancora di più. E poi  bisogna fare i conti anche con dei momenti di solitudine, lontane da  casa, anche se ormai si è sempre più "connesse" online. Questi momenti  io, per esempio, cerco di trasformarli in occasioni di maggior contatto con me stessa e di osservazione più attenta degli altri.

Un progetto per il futuro?
Oltre alle mostre fotografiche in giro per il mondo? Sto editando dei libri fotografici con la MUP Press, i coloratissimi CITYBOOKS del mio progetto Urban Colors Collection, di cui potete leggere su www.marinamisiti.com. Saranno ordinabili e stampabili direttamente online, ma curatissimi come un qualsiasi altro photobook. Insomma, continuerò a sperimentare...
Tag:  MUP Press, Donne con la valigia, Marina Misiti, www.marinamisiti.com, viaggi, CITYBOOKS

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni